Home » Archivio Eventi » POLIAMBULATORIO SAN CAMILLO VARESE PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI OMEOPATIA E DECODIFICA BIOGENEALOGICA IN COLLABORAZIONE CON IL COMITATO PER LA FONDAZIONE MIRDAD DI TORINO

POLIAMBULATORIO SAN CAMILLO VARESE PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI OMEOPATIA E DECODIFICA BIOGENEALOGICA IN COLLABORAZIONE CON IL COMITATO PER LA FONDAZIONE MIRDAD DI TORINO

 

page1image20416POLIAMBULATORIO SAN CAMILLO VARESE

page1image20576

page1image21112

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI

OMEOPATIA E DECODIFICA BIOGENEALOGICA

IN COLLABORAZIONE CON IL COMITATO PER LA FONDAZIONE MIRDAD DI TORINO DR. FLAVIO BIANCHI – DR.SSA MARISA PONTESILLI

Sabato 14 dicembre – ore 14.30

presso il poliambulatorio San Camillo a Varese via Lungolago di Calcinate 88

PERCHE’ CI AMMALIAMO?

Tutte le malattie sono causate da uno trauma emotivo che porta a un conflitto biologico. Ogni volta che un individuo è colpito da un trauma emotivo, il cervello entra in azione creando uno speciale programma biologico per la sopravvivenza dell’individuo che si manifesta a livello dell’organo malato. L’intensità del trauma emotivo determina la gravità della malattia e il tipo di emozione ne determina la localizzazione nel corpo. Senza conflitto non vi è malattia.

page1image28832

“La malattia è sempre una soluzione di sopravvivenza in risposta ad un evento ambientale. Ogni cellula racconta la sua storia e ha una sua missione. Possiamo lavorare su ogni programma (malattia), decodificandone il passato e il presente, alla ricerca di quel risentito che ha vissuto la persona e riprogrammare un nuovo vantaggio biologico: la guarigione.”

L’evento è gratuito e aperto a tutti.

È richiesta conferma telefonica allo 0332 264820 oppure scrivere a info@sancamillovarese.it

www.sancamillovarese.it

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>