Home » Docenti Corsi Monografici » Dott.ssa ANGELA ASTOLFI IRIDOLOGIA

Dott.ssa ANGELA ASTOLFI IRIDOLOGIA

IRIDOLOGIA

La parola iride deriva dal greco e significa arcobaleno per la sua colorazione o aureola perché è considerata come un’aureola che circonda la pupilla, è la sua pigmentazione che conferisce all’occhio il colore che lo caratterizza.Secondo l’iridologia, l’iride sarebbe una speciale carta topografica che riprodurrebbe, nel suo piccolo, tutta la mappa del corpo umano, la sua anatomia, le sue funzioni: un minuscolo archivio in cui sarebbero trascritti la salute dei nostri organi e il benessere dell’anima. L’iridologia è, secondo alcuni, un metodo di analisi, essa sarebbe la valutazione dell’integrità dei tessuti, chiamati collettivamente costituzione perché comprende punti di forza e di debolezza intrinseca; tale analisi può forse riconoscere forze e debolezze della costituzione individuale risalendo anche per quattro generazioni; essa è lo studio dell’iride, del suo colore, delle sue tracce e delle sue variazioni in relazione a malattie. Lo scopo dell’iridologo non è quello di diagnosticare malattie ma solo di osservare e interpretare i segni fisici che nota nell’occhio. L’iridologo in base alla macchie e alle sfumature cromatiche dell’iride o alla forma della corona riuscirebbe ad individuare il tipo di costituzione del paziente (linfatica, ematogena, disbiotica, etc….) ed i possibili segni evoluti delle sue patologie, scoprendo alcune volte, secondo alcuni, le cause di quei disturbi che sfuggono ad una sicura definizione.

PROGRAMMA

Cos’è l’iridologia
Brevi cenni storici
Come affrontare una visita iridologica
Le mappe iridologiche: la mappa Jensen, la mappa Peczely, la mappa di Liljequist,la mappa di Schnabel e Angerer, la mappa di Rizzi
Le costituzioni iridee
La suddivisione dell’iride: la pupilla, l’Opi, L’OPE, il margine della corona, la corona, la zona organi, l’orlo irideo interno e esterno
Gli archi tetanici, le lacune, i radiali, le macchie iridee
La sclera
Iridologia psicosomatica: introduzione, tipologie psicosomatiche, predominanza degli emisferi cerebrali, iride doinante, il cronoschio
Esercitazioni in aula

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>