Home » Omeopatia Classica A.A. 2016/2018 APPLICATO ALLA DECODIFICA E ALLA BIOPSICOGENEOLOGIA

Omeopatia Classica A.A. 2016/2018 APPLICATO ALLA DECODIFICA E ALLA BIOPSICOGENEOLOGIA

ISCRIZIONI APERTE PER L'ANNO 2017/2018

ISCRIZIONI APERTE PER L'ANNO 2017/2018

Comitato Fondazione Mirdad
Durata: 25 WEEKEND

TOTALE MONTEORE 400
Orario delle lezioni: sabato e domenica dalle ore 10,00 alle ore 18,30

Calendario lezioni:

21-22 Gennaio 2017  

18-19 Febbraio 2017  

18-19 Marzo 2017

22-23 Aprile 2017

13-14 Maggio 2017 

03-04 Giugno 2017

08-09 Luglio 2017

09-10 Settembre 2017

21-22 Ottobre 2017

11-12 Novembre 2017

09-10 Dicembre 2017

Date per il 2018 da definirsi

 

Le dispense saranno fornite in formato elettronico; gli allievi sono pregati di portare con sé a ogni
lezione una chiavetta USB.
Per informazioni contattare la Segreteria al 331/2819416 (da martedì a venerdì, orario: 15-18) o
scrivere a mirdad@mirdad.it

 

DOCENTI: Prof. Dr. Flavio Bianchi, Prof. Dr. Marisa Pontesilli

 

”Ognuno di noi costruisce la realtà che poi subisce” –  I conflitti della biologia applicati all’omeopatia classica

Un ulteriore passo in avanti nella comprensione della Nuova medicina frutto dello studio e dell’assemblaggio di scienza e co-scienza.

I fondamenti scientifici della biologia totale : Neuroanatomia (collegamenti tra SNC – Sistema immunitario e organi). Ogni informazione dall’ambiente viene inviata verso due vie, processata ed elaborata nel suo contenuto : la Via arcaica e la Via recente.

La formazione reticolare e i rapporti con la corteccia prefrontale tramite neuropeptidi. Sincronicità  cervello –  organo.   Il connubio fra programmazione e mappatura del cervello : dal sistema uomo alla costituzione individuale, suscettibilità al conflitto, e relativa accensione immediata di uno specifico relè nel cervello.

Da Hamer a Lipton : storia e critica costruttiva. L’epigenetica, la scienza che conferma le ipotesi di Hamer.

Embriologia e conflitti : collegamento con l’istologia. Il comportamento animale e umano. Conflitti dell’individuo. Conflitti dell’ umanità. Conflitti genealogici. Conflitti programmanti. Conflitti di sabotaggio. Conflitti di congiunzione. Conflitti obbligati. Conflitti di presunzione.

Le emozioni : Prodotti in rapporto con il nostro bisogno di chimica. Ad ogni emozione corrisponde un neuropeptide. Rabbia, invidia, paura, dolore, avidità, indecisione, etc., attraverso i recettori, con un sistema a chiave ,si inseriscono sulla superficie della cellula e modificano il DNA e le proteine.

Le esperienze analogiche. Come trovare il modo per cambiare il risultato – malattia. Il diverso lavoro su, corteccia, midollo, cervelletto e tronco cerebrale. Ogni conflitto con il suo compito personalizzato diretto al conscio e all’inconscio.

DNA e conflitti di : Traslocazione – inversione – delazione – duplicazione.

Programma di Omeopatia Classica:

  • Principi e leggi dell’omeopatia classica, piano mentale, emozionale e fisico.
  • Studio dell’Organon.
  • Classificazione dei disturbi, baricentro del disturbo, concetto di soppressione.
  • Malattie simili, dissimili, naturali.
  • Il colloquio omeopatico.
  • La dinamica miasmatica, le costituzioni, la struttura dell’anima.
  • Anamnesi in omeopatia riferito allo studio della vita del soggetto e di come ha reagito agli avvenimenti
  • della propria vita. INDIVIDUALIZZAZIONE NELLA STORIA FAMIGLIARE DEL SOGGETTO, ATTRAVERSO LA DECODIFICA E LA BIOPSIGENEALOGIA. (Omeopatia unicista attraverso la decodifica del conflitto primario).
  • Livelli di salute applicati alle situazioni croniche.
  • Come affrontare la problematica cronica.
  • L’esacerbazione dello stato dell’individuo (enfatizzazione del problema o aggravamento omeopatico) applicato ai livelli di salute.
  • La problematica acuta nel trattamento cronico.
  • Gestione dei problemi acuti con intervento efficace e immediato.
  • Tecnica di repertorizzazione attraverso formato cartaceo e computerizzato per la ricerca e la valorizzazione
  • delle modalità espresse dal soggetto.
  • Come entrare nelle rubriche della repertorizzazione.
  • Analisi del caso e primo consiglio omeopatico.
  • Scelta della diluizione in base ai livelli di salute.
  • Follow-up: osservazioni commenti analisi: aspettare, consigliare placebo, ripetere lo stesso rimedio alla
  • stessa diluizione, stesso rimedio a diluizione superiore o inferiore, scelta di un nuovo rimedio, antidotare.
  • Materia medica di oltre 400 rimedi.
  • Analisi differenziale nelle modalità espresse dall’individuo per la scelta del rimedio.
  • Valutazione tra mappa mentale e corteccia cerebrale relative ai conflitti dell’individuo.
  • Differenza tra omeopatia classica unicista, complessa, pluralista, omotossicologia.
  • Visione comparativa scuola di Candegabe, Geukens, Herscu, Masi, Ortega, Paschero, Sankaran, Scholten,
  • Vitoulkas.
  • I rimedi pediatrici.
  • Uso del rimedio omeopatico sugli animali.
  • Le attuali sperimentazioni del rimedio omeopatico nel mondo.
  •  Pratica con casi dal vivo e in video.
  • Anatomofisiopatologia (monte ore extra-corso per gli studenti con percorsi formativi diversi)